Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Dove

BolognaFiere
Bologna (Italia)

Pad.
20

Ingressi:
Ovest Costituzione

Giorni e orari

Giovedì 1 e venerdì 2 marzo 2018:
dalle 10.00 alle 18.00

Sabato 3 marzo:
dalle 10.00 alle 16.00

Chi può accedere

Ingresso gratuito per operatori del settore,
previa registrazione

Contatti

Show Office:
Paola Cestari
paola.cestari@bolognafiere.it
Beatrice Monetti
beatrice.monetti@bolognafiere.it
Monica Maselli
monica.maselli@bolognafiere.it

Sales Office:
Ilaria Laghi
+39 334 2351898
famaart@bolognafiere.it

CRESCE FAMAART, OLTRE 3.000 VISITATORI , + 10% DALL’ESTERO

IL 38% DEGLI ESPOSITORI IN ARRIVO DA 16 PAESI

A BOLOGNAFIERE SUCCESSO PER LA VETRINA INTERNAZIONALE DELLE ECCELLENZE ITALIANE ED EUROPEE DELLE CORNICI E DELLE ARTI GRAFICHE

 

Ancora un balzo in avanti per Famaart, dal 3 al 5 marzo alla Fiera di Bologna. Il Salone, giunto alla quarta edizione, organizzato  da  BolognaFiere con il patrocinio di  FAMAEurope,  l’associazione Europea dei produttori di cornici, si è confermato l’appuntamento di riferimento in Europa nel settore delle cornici e delle arti grafiche. I visitatori professionali, nei tre giorni di manifestazione, sono stati oltre 3.000 con un incremento di provenienza dall’estero del 10%, 15% in più la superficie espositiva, 86 gli espositori con una rappresentanza straniera del 38%, in arrivo da 16 Paesi di tutto il mondo.

 

“È significativa la crescita di Famaart – sottolinea Marco Momoli, Direttore commerciale Italia di BolognaFiere - con più visitatori ed espositori ed una maggiore presenza di player e operatori provenienti dall’estero. L’offerta espositiva si è ulteriormente specializzata, tanto che abbiamo creato un reparto specifico che riguarda i macchinari e gli accessori. Siamo andati anche meglio del successo dell’anno scorso, ciò è dimostrato non solo dai numeri ma anche dalla soddisfazione di tutti”.  

 

Per Mauro Fioravanti, Presidente di FAMAEurope, è “forte l’incremento dell’esposizione: siamo ripartiti quattro anni fa e siamo cresciuti fino a riempire, in questa edizione, l’intero padiglione. L’ambizione è di continuare in questo percorso espansivo allargando ancora di più i settori espositivi”.

 

Fiera B2B altamente specializzata, meeting point fra la migliore produzione Made in Europe e i buyers strategici del settore, Famaart segna un importante momento di espansione tanto che è stata aggiunta un’area dedicata ai macchinari e agli accessori, ulteriore arricchimento di un’esposizione che presenta il meglio della manifattura italiana e internazionale di cornici e aste per cornici, macchine e attrezzature per il taglio, l’assemblaggio e il fissaggio, arti grafiche e accessori per belle arti.

 

Unica fiera europea del settore in cui tutte le maggiori aziende sono presenti, Famaart è una vetrina che offre tutte le merceologie con le novità del mercato e con particolare attenzione al design ed all'alta qualità dei prodotti esposti. Tre giorni per una full immersion di creatività, tecnologia, innovazione, design e alta qualità di prodotto.

 

Molto partecipati i qualificati seminari gratuiti e aperti a tutti organizzati  da ACIP – Associazione Corniciai Italiani Professionisti, quest’anno focalizzati sull’utilizzo dei social media per corniciai e sulle tecniche di produzione di cornici e teche per oggetti tridimensionali.

 

Tra gli espositori ci sono soddisfazione per l’edizione appena conclusa e fiducia per il futuro. Alfamacchine evidenzia “un altro passo in avanti, è cresciuto l’interesse dei players non solo italiani ma di tutto il mondo, bisogna proseguire su questa strada”. Alfonso Cicco di Icor Cornici afferma : “è positivo il nostro giudizio per l’ulteriore crescita di Famaart, prova del fatto che il lavoro volto sta dando i suoi frutti, siamo fiduciosi per il futuro”. E Savino Pian di Bubola & Naibo riconosce che “a Famaart le aziende ci sono, la creatività italiana non manca, ci sono il design e la competitività, ci sono perciò tutti i presupposti per l’inizio di un nuovo ciclo”.